Come tornare in forma dopo le vacanze

  • Autore: Giulia Zambelli
  • 10 gen, 2018

Sport, mangiare sano e detossinare. La chiave per tornare in forma!

Si sa, pranzi e cene di Natale mettono a dura prova il mantenimento o il recupero della nostra forma fisica. C'è chi già dal mese di novembre inizia posticipare a gennaio l'inizio di una dieta drastica a base di frullati e centrifughe o chi anche durante le feste, per paura di 1 kg in più, rinuncia a godersi appieno i festeggiamenti e la famiglia.

Forse come tutte le cose, la verità sta nel mezzo. Infatti, gli esperti consigliano un’alimentazione quotidiana sana e bilanciata ma per il cenone ufficiale di lasciarsi tentare da qualche peccato di gola senza stressarsi troppo con il calcolo delle chilocalorie. In fondo anche lo “sgarro” e funzionale: aiuta il corpo a non abituarsi troppo. E se durante tutto l’anno lo abbiamo mantenuto bene, sarà abbastanza forte per smaltire l’abbuffata natalizia.

Quello che invece non dovrebbe mai mancare è l’esercizio fisico. Non dico che si debba andare in palestra anche il 25 dicembre. Ma anche 20 o 30 minuti di passeggiata, per esempio dopo pranzo, aiutano a metabolizzare meglio l’assunzione di cibo. Lo sport è consigliato a tutti e praticato per tutti i giorni rende innumerevoli benefici perché aiuta a diminuire lo stress, mantiene giovane corpo e mente, riduce il rischio di malattie cardiovascolari, migliora l’umore e non per ultimo ottimizza la forma fisica.

Il mio consiglio è di aiutare a drenare con una tisana o una bevanda depurativa. Bere un bicchiere di acqua calda tutte le mattine e mantenersi idratati, agevola l’espulsione delle tossine e ci depura. Personalmente porto sempre con me una bottiglietta d’acqua durante la giornata alla quale la mattina aggiungo un misurino di bevanda drenante. La mia preferita è Défiligne Riducente Drenante di Yves Rocher, oltre ad avere un ottimo sapore è a base naturale!



Se volete più informazioni sui prodotti Yves Rocher contattate la Consigliera di Bellezza Kiwanui YR:

Link a FB https://www.facebook.com/KiwanuiYvesRocher  

IG https://www.instagram.com/kiwanui/

@email kiwanui17@gmail.com  

WhatsApp 3913987774

 

Autore: Giulia Zambelli 10 gen, 2018

Si sa, pranzi e cene di Natale mettono a dura prova il mantenimento o il recupero della nostra forma fisica. C'è chi già dal mese di novembre inizia posticipare a gennaio l'inizio di una dieta drastica a base di frullati e centrifughe o chi anche durante le feste, per paura di 1 kg in più, rinuncia a godersi appieno i festeggiamenti e la famiglia.

Forse come tutte le cose, la verità sta nel mezzo. Infatti, gli esperti consigliano un’alimentazione quotidiana sana e bilanciata ma per il cenone ufficiale di lasciarsi tentare da qualche peccato di gola senza stressarsi troppo con il calcolo delle chilocalorie. In fondo anche lo “sgarro” e funzionale: aiuta il corpo a non abituarsi troppo. E se durante tutto l’anno lo abbiamo mantenuto bene, sarà abbastanza forte per smaltire l’abbuffata natalizia.

Quello che invece non dovrebbe mai mancare è l’esercizio fisico. Non dico che si debba andare in palestra anche il 25 dicembre. Ma anche 20 o 30 minuti di passeggiata, per esempio dopo pranzo, aiutano a metabolizzare meglio l’assunzione di cibo. Lo sport è consigliato a tutti e praticato per tutti i giorni rende innumerevoli benefici perché aiuta a diminuire lo stress, mantiene giovane corpo e mente, riduce il rischio di malattie cardiovascolari, migliora l’umore e non per ultimo ottimizza la forma fisica.

Il mio consiglio è di aiutare a drenare con una tisana o una bevanda depurativa. Bere un bicchiere di acqua calda tutte le mattine e mantenersi idratati, agevola l’espulsione delle tossine e ci depura. Personalmente porto sempre con me una bottiglietta d’acqua durante la giornata alla quale la mattina aggiungo un misurino di bevanda drenante. La mia preferita è Défiligne Riducente Drenante di Yves Rocher, oltre ad avere un ottimo sapore è a base naturale!



Se volete più informazioni sui prodotti Yves Rocher contattate la Consigliera di Bellezza Kiwanui YR:

Link a FB https://www.facebook.com/KiwanuiYvesRocher  

IG https://www.instagram.com/kiwanui/

@email kiwanui17@gmail.com  

WhatsApp 3913987774

 

Autore: Giulia Zambelli 18 dic, 2017

Elaborare, ottimizzare e formulare. Questo è il segreto degli esperti ricercatori della Cosmétique Végétale di Yves Rocher che nei loro laboratori studiano, coltivano e formulano prodotti di bellezza unici al mondo.

Tutto è iniziato grazie al fondatore di questo esclusivo marchio: Yves Rocher. Un botanico visionario che iniziò a realizzare i suoi prodotti di bellezza a base di piante nella soffitta della sua casa di famiglia inventando così un nuovo concetto di bellezza. Nel pieno rispetto della natura e della donna Yves Rocher ha istituito un modello economico innovativo che comprendeva tutte le fasi di vita dei prodotti dalla formulazione alla distribuzione, rendendoli accessibili a tutte le donne.

Quello che rende unici i prodotti Yves Rocher è La Gacilly. Un borgo in Bretagna da cui tutto è partito, dove negli Anni ’50 Yves Rocher ha inventato la cosmesi vegetale, salvando il villaggio dalla piaga dell’emigrazione.

La Gacilly oggi è il regno della Cosmetique Vegetal e dei fiori. Qui più di 2mila persone vivono e lavorano per l’azienda, in questo villaggio “cartolina” con colline in fiore attorniate di tetti dai riflessi argento, coltivando appezzamenti che cambiano colore ogni mese dell’anno, passando dal bianco della camomilla al giallo carico dell’arnica, dall’arancio della calendula al blu del fiordaliso. Ad incorniciare il tutto siepi miste, prati spontanei e boschetti che incrementano la biodiversità delle colture bio.

La Cosmétique Végétale negli anni è riuscita ad imparare e a decifrare i meccanismi vitali e di adattamento in ciascuno dei vegetali che studia per poterli trasferire alla pelle ottimizzando a pieno l’assimilazione dei prodotti. Perché la capacità della pelle di assorbire un principio attivo per utilizzarlo e trarne benefici è fortemente amplificata quando riconosce una molecola vegetale viva e naturale come lei.

 

Grazie ad una Consigliera di Bellezza @Kiwanui ho scoperto questo fantastico mondo e per consuetudine mi sono approcciata ai prodotti più in linea con i bisogni delle mie clienti provando:

-      Défiligne Riducente Drenante (a base di Tè verde)

-      Défiligne Riducente Tripla Azione (a base di semi di Guaranà, di foglie di Tè Verde e di Erba Mate)

-      Siero Snellente Rassodante

Devo proprio ammettere che sono stata conquistata da quest’azienda, sia per gli ottimi ingredienti sia per le proprietà dei prodotti. La bevanda Defligne Riducente Drenante, ha un ottimo gusto e comodamente la porto con me durante tutta la giornata. Le compresse sono veloci da assumere e aiutano a metabolizzare i lipidi, a drenare e sono un valido aiuto a mantenere il “peso forma”. Ad entrambi si può associare il Siero da massaggiare mattina e sera che rende la pelle più soda.

Non vi rimane che dare voi il giudizio finale…

 

Se volete più informazioni sui prodotti Yves Rocher contattate la Consigliera di Bellezza Kiwanui YR:

Link a FB https://www.facebook.com/KiwanuiYvesRocher  

IG https://www.instagram.com/kiwanui/

@email kiwanui17@gmail.com  

WhatsApp 3913987774

 

Autore: Giulia Zambelli 02 ott, 2017

È iniziata mercoledì 27 settembre la campagna internazionale per sensibilizzare le donne alla prevenzione del tumore al seno. Durante la serata il Duomo di Milano è stato illuminato di rosa, come altri famosi monumenti in giro per il mondo, grazie a Estée Lauder e all’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro la Campagna Nastro Rosa.

 “Vogliamo illuminare i monumenti più importanti del mondo per sostenere e promuovere la campagna contro il tumore al seno nata dall’energia e dalla forza carismatica di Evelyn Lauder 25 anni fa” , ha spiegato Edoardo Bernardi, amministratore delegato e direttore generale di Estée Lauder Italia.

Tutto il mese di ottobre è stato ribattezzato il “mese rosa” e con l’hashtag #FateleVedere tutte le donne sono invitate a sottoporsi a controlli. E grazie ai numerosi incontri, vengono sensibilizzate su quanto possa contare condurre uno stile di vita sano rispetto alla prevenzione e alla cura di questa orribile malattia.

Il calcolo al seno resta ancora uno dei cosiddetti “big killer” e continua ad essere la prima causa di morte oncologica per le donne in tutte le fasce di età.  Secondo un rapporto dell’Aiom/Airtum i “numeri del cancro” in Italia nel 2016 sono in aumento. I casi di tumore al seno nel 2016 sono 50.000 contro i 48.000 diagnosticati nel 2015.

Il dato positivo dell’85,5% riguarda la sopravvivenza di chi si ammala a cinque anni dalla prima diagnosi, percentuale che è in aumento.

Le donne si ammalano di più ma sopravvivono anche di più ed è proprio per questo che la lotta contro il cancro al seno non si ferma. Mi raccomando #FateleVedere.

Autore: Giulia Zambelli 29 set, 2017

Passione, amore ed un pizzico di follia. Questi sono gli ingredienti unici che rendono il ristorante Yokohama un posto molto speciale. In centro a Milano, Yokohama è una delle più belle e suggestive location per prendersi una pausa dal mondo esterno, un locale in cui basta varcare la soglia per sentirsi a casa e rilassarsi.

Personalmente abbiamo provato a pieno questa esperienza lasciandoci guidare e dando il pieno controllo sulla scelta del menu a Rosy e il marito Paolo. Il risultato? Tutti i piatti (e fidatevi la degustazione ha messo a dura prova la capienza del nostro stomaco) sono tornati in cucina vuoti!

Non stiamo parlando del solito ristorante giapponese ma di un’esperienza fusion. Yokohama unisce e abbina con un bilanciamento perfetto la cucina cinese, giapponese e italiana reinventando e stravolgendo le ricette con un ingrediente unico: Rosy Chin.

Non avremmo mai pensato di trovare una cosi vasta scelta di uramachi e di assaggiare una carbonara di mare con dei tagliolini al nero di seppia e un uovo crudo che incoronava il piatto, quando abbiamo varcato le porte del ristorante. Ma Rosy e Paolo sono così ribelli e innovativi che con le loro ricette sono in grado di far esplodere nel palato una tempesta di gusto.

Autore: Giulia Zambelli 01 set, 2017

Tornare alla routine quotidiana dopo le venerate vacanze a volte risulta più difficile di quanto si possa immaginare. Mentre siamo in ferie ci ripetiamo come fosse un mantra, i buoni propositi da fare al rientro: “a settembre mi metto a dieta” o “quando torno mi iscrivo in palestra”… ma non appena riponiamo i costumi nel cassetto tutti i progetti svaniscono.

Forse lo stress da rientro o perché in vacanza si ha la possibilità di pensare un po’ più a se stessi, ma inequivocabilmente ci si dimentica delle promesse che ci siamo fatti e si ritorna alle scrivanie (forse più stressati di quando si era partiti).

Sbagliatissimo, questa è proprio l’occasione giusta per ripartire alla grande! In vacanza abbiamo resettato la routine quotidiana e da qui possiamo rinnovarla e ripianificare la nostra agenda.

TAKE YOUR TIME

La cosa più importante da fare è pensare un po’ più a noi e prenderci del tempo per fare quello che ci fa stare bene. I weekend sono anche fatti per questo, pianificate un viaggio o una gita, andare al parco o vedere quella mostra che vi è sempre piaciuta…

KEEP OR THROW

Lavorare per rinnovarsi, tra il vuotare le valigie e l’imminente cambio di stagione, buttare tutte quelle cose che non usiamo più oltre a rendere un senso di ordine impagabile è utile per ripulire la nostra mente e rimettere in ordine i pensieri. Tutto ciò che non è stato usato o indossato dallo scorso anno è inutile!

HEALTHY FOOD

Le dispense sono già vuote ed è proprio questo il momento giusto per non riempirle di “cibo spazzatura”. Prediligere cibi sani, oltre a essere un buon modo di detossinarci da quello che abbiamo mangiato in vacanza, è utile non solo a perdere peso, ma serve anche a non lasciarsi appensantire dall’alimentazione sbagliata.

SLEEP

Dormire per 7 ore a notte è tra le “beauty routine” meno dispendiose che tutti dovremmo padroneggiare. Secondo diversi studi la quantità di sonno influisce sul nostro stato di salute e sul metabolismo e riposare le ore corrette può: eliminare lo stress, mantenerci giovani, aiutarci a dimagrire e allungarci la vita! Non male vero?

SPORT

Ultimo, ma non per importanza, lo sport! Inserire in agenda una mezz’ora al giorno da dedicare all’attività sportiva è indispensabile!

Fare esercizio fisico aumenta la produzione di endorfine che hanno la capacità di regalarci piacere, gratificazione e felicità aiutandoci a sopportare meglio lo stress. Personalmente vario spesso il mio allenamento ma una semplice corsa o degli esercizi da fare a casa con un tappetino da yoga davanti alla televisione sono utili. Ci sentiremo più in forma e più sicuri di noi.


Autore: Giulia Zambelli 09 feb, 2015
Per gli amanti della buona cucina, principalmente chi ama la carne in tutte le sue varietà, una tappa in questo tipico ristorante argentino è d’obbligo. Situato nel centro di Milano un locale dallo stile e dai sapori unici: El Carnicero. In questo suggestivo ristorante si respira un’aria romantica e caratteristica che ti trasporta immediatamente tra le antiche strade di Buenos Aires.
Una location unica, mattoni a vista sulle pareti e grandi specchiere antiche donano un sapore rustico che circonda e sorprende l’ospite nelle sale. L’enorme lucernario, gli arredamenti d’epoca e le piante sospese donano un’atmosfera incredibile.
La carne, qui a El Carnicero, la fa da padrona. Le empanadas sono un’esplosione di gusto e sapori vivaci. L’anatra è da non perdere, condita con il chimichurry è tra i gli antipasti si possano assaggiare
Tra i piatti principali l’Entrana ed il Lomo sono spettacolari. Questi tagli pregiati vengono accompagnati da salse dai sapori eccezionali che esaltano ancora di più il gusto eccellente della carne.
I dolci chiudono in bellezza la serata con una squisita nota data dall’imperdibile “Flan casselo con dulce de leche”.
Chi lo ha provato assicura che El Carnicero regala una serata perfetta, all’insegna di una seducente atmosfera e dell’ottima cucina.
Autore: Giulia Zambelli 09 lug, 2012

NEW YORK – Si è ormai diffusa in tutta l’America la nuova tendenza della “walk station”. Il fitness arriva in ufficio con percorsi benessere in corridoio e scrivanie con tapis roulant per ridurre lo stress, divertirsi e di conseguenza aumentare il rendimento. O almeno così sostiene uno studio dell’Humana, una società americana che si occupa di assicurazioni mediche nelle aziende, dimostrando come un dipendente che ha la possibilità di lavorare e fare attività sportive in ufficio possa essere più produttivo.

La ricerca ha fatto si che molte aziende degli States stiano ridisegnando gli uffici per far si che i dipendenti possano fare attività fisica mentre lavorano, anche alla scrivania, con le pareti contrassegnate da indicatori di distanza per tenere conto di quanti chilometri si fanno durante la giornata. Una nuova moda, la routine lavorativa si trasforma e anche le scale da un piano all’altro diventano lo step della palestra. Un segnale da considerare, visto che meno di un quarto dei dipendenti utilizzano le palestre aziendali ma più della metà accetta questa iniziativa. Come i direttori del personale, che vengono ripagati con maggiore produttività. Finalmente un nuovo modo di vedere la scrivania.


Autore: Giulia Zambelli 12 giu, 2012

OGGIONO – È “Il Custode” ad essersi aggiudicato il primo premio dell’Oggiono Film Festival. La giuria è stata conquistata dal cortometraggio realizzato dall’Associazione Culturale “Zuccherarte” di Genova . Il secondo posto è stato vinto da “Risorgiamo”, creato dal XXIV Circolo Didattico “Clementina Perone” di Bari, mentre “Anonimo”, prodotto dal C.A.G. “Fateci Spazio” di Vigevano (Pavia) porta a casa il terzo posto e il Premio della Giuria Junior (formata da ragazzi tra i 10 e i 18 anni).

“L’Oggiono Film Festival”, concorso nazionale per giovani talenti chiude la sua settima edizione. Dal 31 maggio al 3 giugno 2012 il Palabachelet di Oggiono è stato la vetrina di una kermesse che ogni anno migliora, si afferma e coinvolge superospiti quali il cantautore Eugenio Finardi, reduce dal successo dell’ultimo festival di Sanremo, Enrico Nadai da “Io Canto”, “I PanPers” da Colorado, Il grande Marco Balestri e Achille Sabatino dalla fiction “Benvenuti a Tavola”.

Anche in questa edizione Giulia Zambelli, 26 anni, mantovana di Carbonara di Po, ha condotto la manifestazione. Protagonisti della serata sono stati, come sempre, anche Guido Milani e Ornella Chindamo.

“Come ogni anno, l’Oggiono Film Festival – sottolinea Giulia Zambelli – i cortometraggi prodotti da giovani e giovanissimi cineasti, provenienti da tutta Italia sono stati i protagonisti delle serate con storie originali e divertenti ma anche toccanti e significative, realizzate da scuole e gruppi di diverse città (da Genova a Cosenza, da Milano a Reggio Calabria, da Bari a Pavia) che hanno raggiunto la Brianza per le quattro giornate del concorso”. L’evento è stato promosso da Ragazzi e Cinema, con il contributo di Provincia di Lecco e Comune di Oggiono.

Tutte le serate e i numerosi appuntamenti giornalieri hanno centrato in pieno gli obbiettivi dell’organizzazione artistica “Ragazzi e Cinema” e riscosso successi di critica e pubblico che hanno visto la partecipazione di tantissimi spettatori (anche giovanissimi).

Autore: giorgio 27 mag, 2012
Complimentialla nostra bellissima compaesana!!!
Autore: Giulia Zambelli 19 apr, 2011

19 April 2011 - Lecco - “Sarà un confronto duro e impegnativo. Ma sono fiducioso e mi sto allenando con tanto impegno. Spero anche questa volta di riuscire a difendere il mio oro ai prossimi mondiali di pugilato in Corea del Sud”.

E’ quanto dichiarato dal pugile napoletano Domenico Valentino alla giornalista Giulia Zambelli che lo ha intervistato in diretta sull’emittente radiofonica “Radio Cristal” di Lecco. Giulia Zambelli, mantovana di Carbonara di Po, nota al grande pubblico per la sua partecipazione alla finale di “Miss Model of the World”, conduce ogni giovedì’, dalle 16 alle 18.30, insieme a Guido Milani il programma “Nel Paese dei Balocchi”.

Nella lunga intervista il pugile Valentino, ha ricordato il suo explua ai campionati mondiali del 2009 ed ha quindi manifestato con convinzione la sua fiducia sui mondiali di pugilato dilettanti in programma a Busan in Corea dal 16 sett al 1 ottobre 2011.

https://youtu.be/lbKZzAIdvqE

Share by: